“Ci ha molto colpito l’intervento del presidente del Consiglio Draghi, nel punto in cui invocava il ‘ridisegno della sanità territoriale’ e il potenziamento della telemedicina, quali strumenti di progresso sanitario”.Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “tali auspicabili obiettivi sono strettamente legati alla possibilità di un uso estensivo della tessera sanitaria, oggi confinata a poche, ininfluenti funzioni. I rappresentanti dei governi nazionale e regionale – continua il presidente – sanno che non basta utilizzarla in farmacia o per altre secondarie occasioni ma per più importanti applicazioni. Nella tessera c’è un microchip, per il quale lo Stato ha già speso e sta spendendo tanto denaro, in cui potrebbe essere inserita la storia sanitaria individuale con anamnesi, cure, ricoveri, allergie e altro. Ci chiediamo quanto tempo ancora si impiegherà per connettere, mettere a regime i dati dispersi e frammentati nella rete e renderli idonei a tutelare la nostra salute, riducendo costi e disagi”. Il presidente fa un esempio concreto: “pensiamo al rinnovo dell’esenzione dal ticket per età e reddito che si deve fare ‘in presenza’ ogni anno presso le Asl comunali con file, disagi, attese, contrattempi – insiste Maritato – e valutiamo quanto sarebbe opportuno provvedere semplicemente usando la carta, oggi che tutti i dati fiscali e sanitari sono informatizzati in immensi data base. Perché la Regione Lazio, così attenta ai progressi della tecnologia non si impegna in tal senso?”.

Roma, 22 febbraio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *