Categorie
Uncategorized

Napoli: il tampone è gratis per la casta

“In questo tempo di pandemia, con un governo che divide la società in cittadini di serie A e cittadini di serie B, che segrega in casa persone che non hanno fatto altro che attenersi a una libertà riconosciuta dalla Costituzione all’articolo 32 – il diritto di non sottoporsi a un trattamento sanitario non voluto – che infrange il diritto al lavoro, proclamato dall’articolo 1 della Carta sospendendo chi rifiuta il farmaco che mitiga gli effetti del Covid, pensavamo di averle viste tutte ma non ci aspettavamo di assistere a ciò che sta avvenendo a Napoli”.

Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Maritato che annuncia: “Al contrario del sindaco del Pd Gaetano Manfredi, che con una delibera ha approvato ‘il tampone sospeso’, con la concessione del test gratuito a consiglieri comunali e assessori della sua giunta, la nostra associazione farà dono di 1000 tamponi ai disoccupati napoletani. Anche noi, attraverso le farmacie, concederemo il tampone ‘sospeso’, come si fa con il caffè – chiarisce Maritato – ma non a un gruppo di privilegiati, perché riteniamo inconcepibile e, permetteteci di dire, vergognoso che si indirizzino le donazioni dei cittadini a coloro che godono di una lauta retribuzione mentre persone che sono in difficoltà debbono sopportare costi gravosi – 15 per l’antigenico e 70 per il molecolare – per accertare la propria condizione di salute. Il sindaco fra l’altro, si macchia del reato di plagio – ironizza il presidente – avendo rubato l’idea del tampone ‘sospeso’ al deputato M5s Alessandro Amitrano, che nello scorso ottobre propose ai napoletani più abbienti di donare una visita medica a cittadini con Isee massimo di 6000 euro. Altro che casta dei coronati del comune”, chiosa il presidente.     

                                                                                               Roma, 14 gennaio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *